Proroga dei versamenti al 30 ottobre con la maggiorazione dello 0,4%

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n.71/E del 1° agosto 2019, ha chiarito la possibilità per i soggetti che hanno usufruito della proroga dei versamenti al 30 settembre di posticipare il pagamento delle imposte al 30 ottobre, applicando in tal caso la maggiorazione dello 0,4% sulle somme dovute.
La proroga, intervenuta ai sensi dell’art12.quinques, commi 3 e 4 del DL 30 aprile 2019 ha infatti influito sulla possibilità riconosciuta ai contribuenti di rateizzare le imposte dovute come disposto dall’art.20 del D.Lgs.241/97.
I contribuenti che decidono di rateizzare quanto dovuto, lo potranno fare in tre rate aventi diversa scadenza a seconda che siano titolari o meno di partita IVA.
I versamenti rateizzati, soggetti ad applicazione di interessi, potranno essere eseguiti nelle date riassunte nelle tabelle sottostanti.

Soggetti titolari di partita IVA

N.rata Scadenza Interessi % Scadenza con maggiorazione Interessi di rateizzazione %
1 30 settembre 0 30 ottobre 0
2 16 ottobre 0,18 18 novembre 0,18
3 18 novembre 0,51

 

Soggetti NON titolari di partita IVA

N.rata Scadenza Interessi % Scadenza con maggiorazione Interessi di rateizzazione %
1 30 settembre 0 30 ottobre 0
2 31 ottobre 0,33 31 ottobre 0,18
3 2 dicembre 0,66 2 dicembre 0,33

Sino alla data del 30 settembre è fatta salva la possibilità di eseguire i versamenti delle imposte senza usufruire dei termini prorogati corrispondendo quanto dovuto in forma rateatale senza applicazione di interessi oppure effettuando versamenti in scadenze e importi a libera scelta.
In caso di rateazione rimane necessario dare evidenza, nel modello F24, del numero della rata e il numero complessivo delle stesse (es. “0105”, “0205”, “0305”, “0405”, “0505”).

I professionisti di Andersen Tax & Legal restano a disposizione per eventuali ed ulteriori chiarimenti.