Cessione dei crediti IVA trimestrali anche al consolidato

La previsione dell’articolo 12-sexies del DL 34/2019 sulla cedibilità dei crediti IVA trimestrali, potrebbe avere effetti, così come espresso nella recente circolare di Assonime n.18del 29 luglio 2019, sulla possibilità per le società aderenti all’istituto del consolidato fiscale di cedere i crediti IVA maturati durante i trimestri per poterli poi compensare con l’IRES dovuta dalla società consolidante.
A tal proposito si ricorda che l’art.7, comma 1, lett. b) del DM 1 marzo 2018 consente alle società partecipanti al consolidato di compensare l’IRES dovuta dalla consolidante cedendo i crediti utilizzabili in compensazione orizzontale nel limite dei 700.000 euro.

Sino ad oggi la prassi dell’Agenzia è sempre stata quella di riconoscere i soli crediti IVA emergenti dalle dichiarazioni annuali. La modifica normativa prevista dall’articolo 12-sexies del DL 34/2019 ha però equiparato, ai fini della cedibilità ai terzi, le due categorie di crediti (trimestrali ed annuali). Dovrebbe dunque essere ammissibile, secondo anche quanto riportato da Assonime, la cedibilità dei crediti Iva trimestrali ai fini del consolidato nazionale.

Il nuovo art.12-sexies del DL 34/2019 stabilisce che le nuove previsioni relative ai crediti IVA trimestrali si applicheranno alle richieste di rimborso presentate a decorrere dal 1 gennaio 2020, quindi tramite il Modello TR che verrà presentato entro il 30 Aprile relativo al primo trimestre 2020.

Se le considerazioni esposte dovessero trovare riconoscimento occorrerà tuttavia chiarire le condizioni che legittimano la cessione del credito IVA in questo ambito. In particolare, oltre al rispetto delle condizioni previste dall’art.38-bis del DPR 633/72 sulla legittimità del rimborso trimestrale, dovrà essere sancito che non via sia l’obbligo di prestare garanzie patrimoniali o adempiere ad altri tipi di formalità. A livello operativo si renderà necessario un aggiornamento del modello TR con l’inserimento di un apposito rigo per l’esposizione dell’importo ceduto a seguito dell’opzione per il consolidato.