31 Luglio 2019: Termine per il pagamento della prima o unica rata della Rottamazione – Ter

Con il comunicato stampa del 24 luglio 2019 l’Agenzia delle Entrate Riscossione ricorda che i contribuenti che lo scorso 30 aprile avevano aderito alla definizione agevolata, prevista dal collegato fiscale alla legge di bilancio DL 119/2018, entro la data del 31 luglio dovranno pagare la prima o unica rata prevista dal piano.
I contribuenti che sono stati ammessi alla “Rottamazione – Ter”, dovranno pagare il debito residuo depurato da sanzioni ed interessi di mora, alternativamente:

  • in un’unica soluzione, entro il 31 luglio;
  • in un massimo di 18 rate, la prima entro il 31 luglio 2019, la seconda entro novembre 2019, e le successive a febbraio, maggio, luglio e novembre di ogni anno a partire dal 2020.

Si segnala che nel caso di mancato, insufficiente o tardivo pagamento anche di una sola rata tra quelle previste dall’eventuale piano, determina l’inefficacia della definizione agevolata; in tal caso, il debito non potrà più essere rateizzato e l’Agenzia delle Entrate Riscossione avrà il compito di riprendere l’azione di recupero delle somme.

Secondo quanto stabilito dal Decreto Crescita n. 34 del 30 aprile 2019 con il quale sono stati riaperti i termini per aderire alla rottamazione – ter e al saldo stralcio, quali istituti agevolativi della pace fiscale, le cartelle che erano già state ammesse al pagamento agevolato non possono essere nuovamente inserite in una nuova dichiarazione di adesione in quanto la stessa non verrebbe accolta.

Il pagamento dovrà avvenire alternativamente:

  • presso la propria banca;
  • agli sportelli (ATM);
  • mediante utilizzo del proprio Internet – Banking;
  • agli uffici postali;
  • tramite i circuiti Sisal e Lottomatica;
  • sul portale dell’Agenzia delle Entrate Riscossione;
  • con l’applicazione Equiclick tramite la piattaforma PagoPa.